venerdì 18 marzo 2011

Terremoto in giappone: considerazioni su HAARP, sugli sciacalli Corrado Penna e Rosario Marcianò ed altre amenità

POST AGGIORNATO IN DATA 19/03/2011
Come già scritto da MedBunker, molti profeti o pseudoscienziati, senza nemmeno un titolo di studio o con una formazione assolutamente distante da quella degli argomenti su cui scrivono, si autoproclamano "ricercatori indipendenti" e inondano la rete di spazzatura. Il termine "ricercatore" in questo caso è autoreferente. Non vuol dire nulla, anzi vuol dire che cerchi qualcosa ma senza titolo per farlo.

Il terremoto in Giappone dell'11/3/2011 ed il successivo Tsunami è stato infatti utilizzato da diversi soggetti ("ricercatori indipendenti" che chiamarli sciacalli è un complimento) per riempire la rete di merda teorie complottiste senza alcun fondamento scientifico.
In particolare c'è stato il festival delle teorie più strampalate ed in particolare ne tratterò due (me l'avete chiesto e mo' vi beccate due post):
  1. il terremoto è stato generato da H.A.A.R.P
  2. il terremoto è stato causato dagli esperimenti nucleari di altri paesi
Ma andiamo con ordine, vediamo in primis quale è stata la vera causa del terremoto (ne ho già parlato QUI e QUI, ma diciamo che repetita iuvant).

giovedì 17 marzo 2011

Emergenza nucleare in Giappone: informazione corretta

Siccome  il Post precedente era diventato ingestibile e di difficile lettura, ho deciso di farne uno apposito sull'emergenza nucleare in atto in Giappone con i link a contatori geiger in streaming, i link alle misure della radioattività in alcune aree nipponiche e il live streaming della NHK World News.
Siccome la stampa italiana:
  1. da e/o ha dato notizie catastrofiste da Tokio  e dall'area di Fukushima non supportate da dati (rispetto a quanto affermano, via internet, alcuni italiani che vivono in Giappone),
  2. se  gli inviati non non sono accreditati non gli viene dato accesso ad informazioni decenti, quindi e' tutto di terza mano (ovvero....... per sentito dire) 
e notizie di seguito riportate derivano da:
  1. Giappo Pazzie (Blog di italiani che vivono in Giappone)
  2. il Blog di Mattia Butta (altro italiano che vive in Giappone)
  3. La pagina di Wikipedia sul disastro di fukushima
  4. La pagina dell'ambasciata italiana a Tokio
  5. Forbes (nel blog di William Petland _un antinuclearista)
  6. Swissinfo
  7. Le Scienze (edizione italiana di Scientific American)
  8. Bravenewclimate.org (un sito pro-nucleare
  9. Repubblica.it (dopo accuratissimo controllo incrociato!!)

Nel distretto di Fukushima, al seguito del maremoto causato dal sisma del l'11/2011 con Mw=9.0 ci siano seri danni alla centrale nucleare Fukushima Daiichi, un impianto costruito 40 anni fa (prossimo alla "dismissione") situato nella città di Okuma ,  240 km a nord di Tokyo,  con una potenza di 4,7 GW. In particolare ci sono problemi all'impianto di raffreddamento delle unità 1, 2, 3 e 4.

lunedì 14 marzo 2011

Terremoto di magnitudo 9.0 in Giappone, tsunami e disastro nucleare: alcune considerazioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16/03/2011 h. 10.00 
CON LA RADIOATTIVITA' "REALTIME" A TOKIO
Come ormai saprete, il Giappone l'11 marzo 2011 alle 05.46 UTC è stato sconvolto da un sisma salito, nelle ultime ore, da Magnitudo  Mw=8.9 a magnitudo Mw=9.0 verificatosi a circa 130 km al largo della città di Sendai a cui è seguito uno tsunami che ha causato, al momento in cui scrivo, più di 10000 vittime. 
Oltre a tali accadimenti sembra che ci siano problemi alla centrale nucleare di Fukoshima (ai reattori 1 e 3 con probabile fusione). Ma andiamo con ordine, in primis guardiamo il contesto sismo-tettonico.

venerdì 11 marzo 2011

Terremoto di magnitudo 8.9 in giappone

Post aggiornato CONTINUAMENTE in fondo (finchè ho tempo)
Ciao a tutti, riprendo in mano il Blog con una notizia sentita alla radio mentre facevo colazione.
Questa mattina alle 05:46:23 UTC (6.46 in Italia) un terremoto di magnitudo Mw circa 8.6 8.8/8.9  ha colpito il nord-est del Giappone, uno dei più forti (se non il più forte) registrati nel Pacifico occidentale.


Etichette

Debunkers e Blog tematici